Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)

Qual'è la sinistra, qual'è la destra

Lascia un commento

Mi torna in mente la voce di Gaber… ma a leggere di questi tempi le dichiarazioni di Fini si resta a bocca aperta (anche un pò ammirati, molto più di quando parla Rutelli in Ruini):

"tutto possiamo essere, tranne che un popolo xebnofobo, perchè il mondo è pieno di gente che porta cognomi italiani". [da Corriere.it]

Aggiungo l’intervista riportata da Repubblica, del "compagno" Fini:

"Noi siamo uno strano Paese, dove si ondeggia sempre fra politiche troppo dure o troppo morbide. Ma su questa storia dell’immigrazione bisognerebbe conoscere la storia prima di parlare".  "Gli italiani tutto possono essere tranne che un popolo xenofobo, visto che il mondo è pieno di gente che porta cognomi italiani. Non vedo molta differenza tra gli immigrati che oggi vengono dai Paesi sottosviluppati e gli italiani che sbarcavano in questi porti con le valigie di cartone. Chi scappa dal proprio Paese perché cerca lavoro e un’esistenza dignitosa per sé e i propri figli merita tutto il nostro rispetto".

"Consiglio una visita al museo dell’emigrazione a Ellis Island, a New York. Quei volti scavati di italiani, quei braccianti meridionali, hanno contribuito a fare grande quel Paese. E quegli emigranti italiani di cento anni fa non erano diversi da quelli che vengono in Italia dal terzo e quarto mondo. Lo molla è sempre la stessa, la fame, il bisogno di lavorare. La risposta vera a questo fenomeno di massa di dimensioni bibliche può essere solo nell’integrazione. Guai se ci si concentra solamente sulla repressione dei clandestini".

Sconfessa la legge sull’immigrazione? "Non disconosco assolutamente una legge che porta anche il mio nome, ma faccio notare che in Italia si parla solo della repressione. Io credo che sia sbagliato, di fronte ai clandestini che attraversano le nostre frontiere, pensare solo ad alzare barriere".

All’inizio della legislatura lei propose di estendere il diritto di voto amministrativo agli immigrati regolari. Quella proposta di legge però è finita su un binario morto e anche nel suo partito ci furono delle polemiche accese. La riproporrete? "E’ vero, quella proposta di legge si è fermata in Parlamento e non credo che farà passi avanti da qui alle politiche. Ma mi impegno a ripresentarla nella prossima legislatura".

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...