Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)

Re: italiani, vacanze e varie amenità

4 commenti

Repetita juvant, evidentemente.
Navigando oggi avevo trovato per ben due volte pubblicato il post del 17 agosto. Ne ho provato a cancellare uno, con accesso negato. Provo allora l’altro, idem. Infine, torno alla home page e scopro che entrambi i post erano stati cancellati! Olé! Che adorabili str… questi computer…

Bon, nulla di troppo importante era scritto su quel post, che non conservo e che non ho voglia dunque di replicare sforzandomi di essere quanto più possibile fedele all’originale. In sintesi, facevo riferimento al post pre vacanziero in cui chiedevo un consiglio sulle letture da ombrellone per l’imminente vacanza (anche se non prendo o porto mai un ombrellone o una sdraio in spiaggia, preferendo di gran lunga le spiaggie libere). Mi sembrava infatti giusto dirvi poi quali erano stati i libri letti. Eccoli, di nuovo:

Philip Roth, L’animale morente
Boris Vian, Lo strappacuore
David Leavitt, Il corpo di Jonah Boyd
Samuel Bellow, Herzog
George Simenon, Maigret e il ministro

Consiglio vivamente il primo, che ricorda da lontano e in poche pagine (è un libello) il nostro caro Barney. Un ennesimo mal-educatore per noi maschietti, insomma. Per chi non conosce Vian, prima legga "La schiuma dei giorni", poi non si perda nemmeno questo, che inanella incredibili e surreali invenzioni letterarie e di accadimenti. Deve però piacere la letteratura surrealista francese. Leavitt: scrive bene, buona trama, a tratti molto coinvolgente; la sensazione è però che sia un buon libro e non un libro da tenere sul comodino a lungo. Bellow: a tratti noioso, inizialmente, poi sempre più interessante. Di certo l’idea e le pennellate che descrivono Moses e il suo mondo e le sue fobie, meritano la lettura del libro. Di Simenon nemmeno ve ne sto a parlare, lo adoro.

Mi soffermavo anche sugli italiani in vacanza, ma non ho voglia di dolermi anche oggi per loro.

Annunci

4 thoughts on “Re: italiani, vacanze e varie amenità

  1. il corpo di jonah boyd a me è piaciuto.Leavitt scrive sempre bene. La storia non è niente di che, ma l’ambientazione e l’aria morbosa attorno è al solito resa in modo superlativo.Non trovi?

  2. Concordo. Ben scritto, qualche sbavatura nella storia, ma l’atmosfera è ciò che ti tiene chino sul libro a leggere.

  3. ti consiglio anche il nuovo di Hornby, non buttiamoci giù. Perfettamente definiti e distinti traloro i 4 characters, con i propri diversi linguaggi, comportamenti, estrutturazioni “sociali”questo è uno dei lati interessanti, il portare avanti la narrazione con iquattro punti di vista sempre attivi, tutti a mostrare lo stessoavvenimento visto da sguardi diversi e dunque diverse sfaccettature,ma uno sforzo empatico e non di contrasto tra loroche nasce dal particolare frangente in cui si sono conosciuti(sull’orlo, nel senso proprio, del suicidio).e sta ansia della political correctness e del conseguente sarcasmo reattivo, molto inglese, molto “alla” ken loach.notevole proprio la cura del linguaggio, e l’ironia amara ed il sarcasmo. godibilissimo

  4. Ciao, ti consiglio di leggere anche “Il cuore nero di Paris Trout”, un noir-psicologico ambientato nella Georgia (USA) degli anni cinquanta. Veramente ben scritto e coinvolgente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...