Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)


Lascia un commento

Mamma li Turchi

Sono anni che sentiamo parlare di una Turchia europea o meno. Parliamo in linea di massima di interessi economici, come sempre, contrapposti a motivazioni etiche. I primi a questo mondo, tendono a vincere. Nonostante questo la Turchia non è ancora stata ammessa nella Ue e penso sia ad oggi una piccola vittoria dei principi etici e democratici.

Non è il caso di gridare al mostro, ma va da sé che per fare parte di un’unione occorra anche accettarne la visione, le regole e le leggi. Altrimenti si campa lo stesso, ma si sta fuori o si cerca un consesso più vicino ai propri principi. Buffo dunque vedere un Paese che ripete ad ogni momento di voler entrare in Europa che poi dà continui segni di insofferenza quando si toccano argomenti delicati come i diritti umani e il genocidio armeno.

Assurdo anzi che protesti e minacci: l’anno scorso contro la Francia ed oggi contro gli Stati Uniti. Trattasi di genocidio ed è ridicolo affibiargli l’etichetta di danno collaterale della prima guerra mondiale. Le minacce economiche e politiche (negare l’uso delle proprie basi militari in un’area delicatissima) avranno la meglio sui principi, anche stavolta?

Forse. Intanto godiamoci un poco i mal di pancia turchi… che a volte occorre prendere le briciole di una giustizia spesso assente.

Qui un gran bell’articolo (fonte Osservatorio Iraq).