Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)


Lascia un commento

Scuse dovute e non ancora arrivate

Dopo il caso Ilaria Capua, un altro caso su cui riflettere. Prosciolto perché il fatto non sussiste un ricercatore di Perugia, il prof. Stefano Fiorucci, dopo ben 8 anni di calvario. A valle, qualche giornale fa ammenda sinceramente:

La storia è del Prof.Stefano Fiorucci, dell’Università di Perugia, che nel 2008 fu arrestato per 23 ore, per un’accusa di frode e truffa in un’indagine inerente ad una ricerca universitaria che aveva ottenuto fondi pubblici, con la pubblicazione della notizia su molte testate nazionali e locali, tra cui la nostra. E che adesso riceve la piena assoluzione, in primo grado, dopo otto anni da i reati ascritti, con formula piena “perchè il fatto non sussiste”. Già nel 2009 anche la commissione preposta del MIUR lo assolse per le stesse ragioni.

Giustizia fatta? Certo. Si chiude così? Dal punto di vista tecnico-legale sicuramente si, ma all’uomo, dopo un calvario di otto anni alla ricerca della sua riabilitazione, può bastare?

Sicuramente no.

E in effetti, in 8 anni il medico si è dovuto difendere in giudizio ma allo stesso tempo è stato sbandierato come colpevole su tutti i giornali, italiani ed esteri, perdendo la fiducia degli investitori e vedendo sfumare diversi progetti di ricerca. Oltre al dover sopportare insulti, offese, ha anche perso alcune chance per posizioni interne all’Ateneo di Perugia.

Oggi, sembra tutto cancellato. Il web però è pieno di tracce ed oggi chi fa una ricerca su di lui, ancora trova tracce e allusioni non rimosse o aggiornate da parte di giornali e blog.

La domanda è: come si rimborsano a un uomo questi 8 anni. Ma soprattutto: come possono giudici e giornali tutelare una persona, fino a quando non si è certi realmente che abbia commesso un reato?

Annunci


Lascia un commento

Un esempio di fulgido giornalismo

Sempre sulla questione Papa “imbavagliato”, un bell’esempio di servizio giornalistico che non sposa alcuna tesi, posizione, che non mostra simpatie ma che comunica solo i fatti… E qui la solita domanda, a cosa serve un Ordine professionale, e la constatazione che quanto detto da Pannella oggi (vedi post precedente), è quantomai vero. Ahinoi.

(via Luca)


Lascia un commento

Fino a prova contraria

Sono parecchio stupito della rilevanza che alcuni giornali hanno dato alle foto di Alberto Stasi, sospettato per il delitto di Garlasco, posto alla gogna dalla stampa e poi addirittura arrestato forse con una certa leggerezza. Ad oggi, non ci sono prove che lo identifichino come colpevole e in uno stato di diritto, almeno fino a prova contraria, deve essere considerato innocente.

E allora, che senso ha mostrarlo in compagnia di amici sorridente e – rubando il mestiere agli specialisti del gossip – titolare: “Garlasco: Stasi si rilassa con una bionda sui Navigli”? La bionda potrebbe essere semplicemente una degli amici del gruppo con cui è uscito; nessuno ha pensato che pubblicare una foto del genere più che diritto di cronaca è violazione della privacy; ognuno vive il lutto in maniera diversa, chi dice che a distanza di mesi non sia lecito per un ragazzo cercare una sera di sollevarsi e ridere?

Ecco. Tutto (e dico poco) qua.