Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)

La Bastiglia

1 Commento

No, non è un altro articolo sulle elezioni presidenziali francesi. E’ il resoconto di una delle migliori cene che il sottoscritto abbia mai consumato nella sua vita. Ringrazio Marco per la conferma che una sera mi ha inviato.

Il luogo: Ristorante La Bastiglia, Spello (PG).
Lo chef: Marco Gubbiotti
Segnalazioni: 2 forchette Gambero Rosso, 1 stella Michelin.

Entro nel ristorante, posto in cima alla splendida cittadina umbra di Spello. Un pò isolato, gode di uno splendido paesaggio. Il locale ha tavoli grandi e ben distanziati, che ti offrono una piacevole sensazione di privacy. Apparecchiature ricercate quanto basta, assolutamente non eccessive o imbarazzanti. Una musica di sottofondo ben scelta ed al giusto volume, ed il personale di sala cordiale e professionale fanno il resto: si passa il tempo con piacere nel ristorante (senza accorgermene, mi alzerò tre ore dopo, soddisfatto e rilassato).

Ordino antipasto e primo piatto, dopodiché scelgo dalla carta dei vini un Valpolicella di Quintarelli del 1992. Un vino che ancora ha molto da esprimere, nonostante i suoi 15 anni già all’attivo. Ci viene servito correttamente e, dopo mio consenso, scaraffato. La scelta risulterà apprezzata non solo da me.

Viene offerto un primo antipasto, un piatto rettangolare e lungo su cui sono posizionati cinque minibocconi, atomi di sapore come inizio del viaggio gastronomico. Ricordo una crema di pizza molto buona, servita in un bicchierino.

Tra gli antipasti ordinati, frittelle di fagioli, con cinque diverse salse in accompagno, e petto di piccione su letto di salame di piccione non stagionato. Il petto era delicato e saporito al tempo stesso, con una crosta quasi caramellata che donava al termine di ogni boccone un esplosione di gusto.

Primi: tortelli di ricotta (di capra) di Manciano con tisana al timo e salvia; stangrassi al ragù di agnello, asparagi e pistacchi di Bronte. I primi sono indimenticabili. La sfoglia è un velo di pasta che racchiude una ricotta freschissima e perfettamente equilibrata. La tisana è presentata in una procellana bianca e se ne dosa il condimento sui tortelli a piacimento. Gli stangrassi sono una pasta che cotta al forno viene servita come un piccolo timballo, delicato e soffice. Colpisce soprattutto l’accostamento ottimo di asparagi e pistacchi (questi nel letto su cui poggiava il timballo monoporzione).

A questo punto l’idea era di saltare il secondo. Il maitre però ci ha confidato che lo chef aveva piacere di offrirci un assaggio del tris di chianina in menu, per onorare la bottiglia di vino scelta dal sottoscritto. Dunque mi è arrivato un piatto con: dadi di chianina scottati in olio a 65 gradi, quasi crudi; un piccolo taglio di filetto a mezza cottura; un boccone di stracotto). Lo stracotto sarà uno di quei sapori che ricorderò a vita.

Dolci: tris di mele (tarte tatin, sorbetto e non ricordo bene cos’altro); tortino di cioccolata con sorbetto di (se non erro) arancia e mandarino, su un letto di gelatina di carote. Grande gioia per un goloso come me. Ma non finisce qui: piccola pasticceria offerta, ovvero… dei minicapolavori (1 madelaine, 1 brutto ma buono, 1 ricciarello) ed un bicchierino di tiramisù delizioso, con una crema fresca e spumosa, dolce al punto giusto.

Chiacchierata con il personale di sala, molto bravo, e con lo chef, venuto a sincerarsi della mia soddisfazione. Completa.

Che dire. Se amate la buona cucina, un indirizzo da appuntarvi.

Annunci

One thought on “La Bastiglia

  1. Pingback: Il Convivio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...