Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)

Indulto/5

14 commenti

L’impressione è che la stampa (e la tv) italiana non abbia proprio voglia di fare fatica e cercare notizie giornalisticamente rilevanti. Così, dopo l’indulto, è facile fare notizia con quell’1% di detenuti che usciti, in 24 o 48 ore, hanno commesso reati e sono stati riportati in cella. Perché saranno l’1% (o il 2 o il 3, non so) ma solleticano quell’allarme sociale così tanto caro alle “avanguardie” intellettuali come la Lega, i Di Pietro, i Travaglio, l’Unità o il popolo dei fax (ancora spedite fax nel 2006?).

E’ così un mestiere facile e allo stesso tempo svilito. E l’altro 99%? Se non torna a delinquere, comunque non farà notizia. Soprattutto, chi è uscito doveva scontare ancora una parte residua della pena, cosa che con un pizzico di buon senso fa pensare che alla scadere naturale della medesima, sempre lo stesso atteggiamento avrebbe mantenuto (il nostro sistema carcerario non è in grado di recuperare una persona, a dispetto di quanto previsto dalla legge, su una pena intera figuriamoci in un anno o due).

Il problema è che rilanciare con tanto clamore certe notizie, offre il fianco a quella pletora di giustizialisti che affollano ormai la nostra società e la nostra politica (anche a sinistra, povera tradizione). Per non farlo, chi si è operato per l’indulto, raccolga per favore le parole di Napolitano e apporti cambiamenti sostanziali a tutto il sistema della giustizia italiana.

Annunci

14 thoughts on “Indulto/5

  1. mmh!Premetto, non sono Di Pietro.Giustissime tutte le osservazioni.Ma….Sono comunque scettico sul rilascio dei recidivi.Saranno anche l’1% o il 2% o il 3%, ma sempre recidivi sono o rimangono. E allora perché, se la percentuale è così ridicola, non sono rimasti dentro? Di che benefici godono le carceri, ed i carcerati che ancora sono dentro, di un’1% di ex detenuti che “affolla” le nostre strade? Socialmente di che utilità può essere per tutti noi chi delinque da 25 anni, passati più in carcere che fuori, quando lo rimettiamo in libertà? Chi conviene con me che un detenuto del genere sia meglio tenerlo dentro che fuori? In attesa di un sistema carcerario e giudiziario da rifondare e bla bla bla, ronf ronf ronf.CiaociaoToi

  2. “Sono comunque scettico sul rilascio dei recidivi”. Beh, allora, visto che non si può mai sapere chi “reciderà” una volta fuori, teniamo sempre dentro tutti. E per sempre.

  3. potresti smetterla di farti bello con le mie battute?Il bobo

  4. Forse mi sono espresso male, scusatemi.Quando parlo di recidivi intendo quelli che per hanno continuamente ed esclusivamente vissuto nell’illegalità, entrando ed uscendo dalle patrie galere, come un cittadino qualunque entra ed esce da casa propria.Il valutare caso per caso non mi sembrerebbe una bestemmia.Il mio voleva essere un ragionamento inverso a quello fatto da Lebowsky, ovvero:Se la notizia, per i nostri giornali, la fa l’1% (sarà anche 2% o 3%) delle persone rilasciate che tornano a delinquere, vuol dire che il 99% ha ragione ad essere fuori; per contro se quell’1% (sarà anche 2% o 3%) non era da rilasciare, per ovvi motivi, perché è fuori?Non è che la legge è stata montata affrettatamente e senza starci a pensare più di tanto?CiaociaoToi

  5. in teoria andrebbe pure bene, solo che uno dei caposaldi della civiltà giudica occidentale è che le norme sono valide erga omnes. Quindi, come si da a dire a uno: “Finora sei stato recidivo, hai vissuto nell’illegalità e continuerai a viverci per il resto dei tuoi giorni, per cui questa norma, solo per *te*, non vale?”

  6. @toi: seguendo la tua logica i recidivi non bisognerebbe scarcerarli mai, ci vorrebbe l’ergastolo per loro, visto che se li scarceri tornano a delinquere.

  7. valido per qualsiasi provvedimento che viene adottato. il fatto è che se non vengono predisposte misure di accopagno per accoglienza ed il sostegno, tutto diventa inutile o meglio dannoso per la pubblica opinione.

  8. Ciao a tutti, mi fa piacere leggere le vostre opinioni a riguardo.Forse si perde leggermente il senso della misura, si va su posizioni estreme, magari anche io mi sono lasciato prendere la mano.Io credo che l’indulto sia stata una cosa buona, necessaria come un reset!Con più di un ma!Ha ragione e-don quando dice che le norme devono essere valide per tutti a prescindere dai soggetti ai quali le si applica, ma forse solo un Dio può essere giusto ed imparziale, noi uomini siamo un po’ più meschini, possiamo giudicare caso per caso.Quando parlo di recidivi, non lo dico così per dire.Recidivo non è una parolaccia.E’ facile stravolgere quello che ho scritto con “i recidivi non andrebbero mai scarcerati, perché commetterebbero nuovamente un crimine non appena liberi”.Il recidivo paga per il reato che ha commesso.Se uno scippa una vecchina non lo tengo in galera 150 anni.La pena deve essere pr

  9. e quelli che stavano facendo un percorso di riabilitazione esterno alle carceri? è davvero positivo anche per loro questo indulto? sappiamo benissimo che l’interesse per l’indulto tra poco sarà nullo, ma le statistiche su quanti tornano in carcere quando l’interesse sarà diminuito si faranno? mah…

  10. mi si è mangiato un pezzo del post… scrivo troppo… ;)Dicevo:La pena deve essere proporzionale al crimine, la recidività punita, non è impossibile o impensabile, lo si fa già oggi. Credo che il 2006 sarà ricordato per l’anno in cui morì il Merito!Ed anche le misure di supporto ai detenuti scarcerati sono scarse, assenti e non preventivate, proprio come questa legge “estiva” approvata di gran fretta, ma piena di buchi.CiaociaoToi

  11. usare le percentuali per darsi ragione e’ scorretto, specialmente se si usano male. se un x% torna in carcere (magari dopo pochi giorni esserne uscito), e’ solo l’x% di quelli beccati dalla giustizia. la probabilita’ di punibilita’ dei reati in italia e’ bassissima; parafrasando il nano che pensa che certi reati siano ‘moralmente leciti’ si potrebbe arrivare a dire che ‘delinquere conviene’. fermo restando che fino a prova contraria si e’ innocenti, se y% (la punibilita’) e’ vicina a x% (la percentuale dei ‘recidivi’ pescati dalla giustizia) ci sarebbe, passatemi l’iperbole, da preoccuparsi: 1-x% sarebbero recidivi a piede libero, non scoperti. purtroppo, ci stanno facendo bere dei numeri, ci agitano davanti alla faccia una bandierina, per distogliere l’attenzione dal vero problema. e’ una legge che fa comodo a loro (sono uno di quelli che, parafrasando frankie hi nrg, pensa che in parlamento si giochi una partite tra due squadre con le maglie identiche)

  12. I recidivi, anche se pochi, sono tali perchè evidentemente valutano che rischiare di tornare dentro a fronte del beneficio che trarrebbero dal reato vale comunque la pena. Da ciò deduco che le carceri non riescono a rieducare né funzionano da deterrente. D’altra parte se il sistema giudiziario è quello che è,non mi stupisce affatto che il relativo strumento sia malfunzionante. Ciao

  13. Mi spiegate perché la legge sull’indulto offre l’indulto anche a coloro i cui reati non sono stati ancora nemmeno scoperti e che, pertanto, non stanno in carcere? Mentre invece in carcere stanno un sacco di persone in attesa di giudizio e che non sono state messe in condizione, dunque, di usufruire dell’indulto pur essendo magari del tutto innocenti?Non si è ancora capito che l’indulto è stato solo un colpo di spugna a favore dei tanti politici e dei loro protetti (banchieri, imprenditori, affaristi) che oramai non rischiano più niente non solo per i reati già scoperti ma anche per quelli ancora da scoprire.E, poi, che c’entra il giustizialismo? Qui si tratta solo di sapere se esistono due classi di cittadini, una delle quali si arroga il diritto di stare completamente al di sopra della legge. Il giustizialismo c’entra come il cavolo a merenda. A meno di non pensare che la giustizia sia il giustizialismo e non ci si augur

  14. Pingback: Indulto e amnistia reloaded | Il Blog di Lebowsky

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...