Il Blog di Lebowsky

"Tiente largo, ma datte 'n limite" (cit. M. Paolini)


1 Commento

Scalfarotto e Vendola, parte seconda

Dopo il post della scorsa settimana, in assenza di una risposta da parte di Nichi Vendola (che attenderemo comunque, qualora lo vorrà) e nell’impossibilità dunque di strutturare un confronto diretto con Ivan Scalfarotto, ho deciso di dare un seguito alla disponibilità e celerità di quest’ultimo proponendo un’intervista.

Motivo del contendere della scorsa settimana, le dichiarazioni rese a Le Iene da Vendola ed inerenti i diritti civili ed individuali da riconoscere a gay e lesbiche in Italia. Vista la non risposta di Vendola alla mia richiesta via Twitter e la mia passata esperienza nella comunicazione politica via web (nel 2001 seguii la realizzazione dei siti web per Francesco Rutelli e Vincenzo Visco), la prima domanda verte proprio su Internet:

  1. Il media digitale entra sempre più nella comunicazione dei partiti e dei singoli parlamentari/sindaci; l’impressione quasi sempre è però che adottino Internet senza conoscerla e capirla, semplicemente perché è di moda e perché – a basso costo (qui ci sarebbe da discutere parecchio, purtroppo) – gli garantisce un’ulteriore cassa di risonanza. Non rispondere è dunque la norma. Ho visto che ti muovi sul web con disinvoltura ormai da diverso tempo, puoi dirmi a valle di questa esperienza cosa ne pensi, se è funzionale ed utile allo scopo e come vedi e giudichi i colleghi che oggi sono presenti sul web?
  2. Torniamo al tema principale. La tua critica a Vendola era di aver fornito risposte “diplomatiche” e di estrema moderazione sui diritti che garantirebbe qualora Premier a gay e lesbiche. Una moderazione che sottolineavi potesse far intendere la volontà di intercettare quel voto moderato-cattolico così ambito nel nostro Paese. C’è stato un chiarimento successivo con lui?
  3. Quali sono le tue indicazioni in merito e cosa auspicheresti per la nostra legislazione (per chi non avesse letto il tuo libro)? Quali diritti, da subito, andrebbero riconosciuti alle coppie gay e lesbiche?
  4. Concordo con te che l’Italia resta assolutamente arretrata sui temi dei diritti delle coppie. Aggiungo io che ciò è vero anche nel caso di coppie etero. Che siano Pacs, Dico o XYZ, sono ormai un’urgenza. Da questo punto di vista il Pd stesso non sembra in grado di formulare una proposta unica. Sarà mai possibile secondo te garantire a tutti pari diritti (e doveri)?
  5. Stiamo assistendo, prima a sinistra poi a destra, ad una frantumazione politica in controtendenza alla scelta  maggioritaria indicata da un referendum. Il Pd ha rappresentato forse un’illusione più che una speranza per molti suoi elettori della prima ora, ma alcune uscite potrebbero avergli giovato in termini di coerenza (Rutelli & Co.). C’è chi come te, Marino, Serracchiani, Civati, Renzi ed altri si spende ogni giorno all’interno del Partito per affermare una sua visione più nuova, costruttiva, moderna. Pensi sia possibile vincere le resistenze interne di un apparato ormai “vecchio” ma ingombrante?
  6. Ultima domanda: convinci un elettore deluso dal Pd degli ultimi anni a votarlo… Lo so, è la domanda più difficile 😉


3 commenti

Breadcrumb: Scalfarotto e Vendola

Uso il termine “briciole di pane” che tanto è importante per Google e per i Motori di Ricerca in ottica SEO, perché ho sempre più l’impressione che con i social network ed Internet si stia profondamente modificando l’uso della lingua e la capacità di comunicare/ascoltare di ognuno di noi. E’ cambiato il livello di attenzione.

In poche righe occorre condensare un significato. Questo è vero con Twitter ma in fondo, vedo che anche su Facebook il tempo speso nella gestazione delle idee non è poi così diverso (si condividono cose scritte da altri, si veicolano contenuti provenienti da altri SN come FriendFeed o Twitter stesso, da software come Gowalla o Foursquare, o si lasciano stati d’animo che ancora mi chiedo fino in fondo a chi possano interessare).

Allo stesso modo, questa “frantumazione” del contenuto provoca una crescita impetuosa e non lineare dei contenuti stessi, piccoli, brevi, meno ponderati forse, ma in in numero sorprendente. Starci dietro, tra Feed e Social Network vari, è un’impresa. E si fanno anche degli errori. Così, con un panegirico incredibile, arrivo al dunque.

Venerdì ho fatto un semplice retweet di quanto scritto da Ivan Scalfarotto sul proprio blog e sintetizzato sul suo canale Twitter (@ivanscalfarotto), senza approfondire e senza andare a leggere eventuali altre fonti se non quella del blog dell’interessato. Cosa diceva Scalfarotto:

CENTROSINISTRA: SCALFAROTTO “SE RINNOVAMENTO È VENDOLA SIAMO NEI GUAI”
ROMA (ITALPRESS) – “Se il rinnovamento che la sinistra offre all’Italia e’ il Nichi Vendola che nega a lesbiche e gay italiani quei diritti che sarebbero riconosciuti loro in larghe parti dell’Europa, anche mediterranea, allora siamo davvero nei guai”.
E’ il commento di Ivan Scalfarotto, vicepresidente del PD, alle parole con cui Nichi Vendola, intervistato dalle “Iene”, ha manifestato la sua contrarieta’ a estendere il matrimonio e l’adozione alle coppie omosessuali. “Presentarsi come il modernizzatore del centrosinistra e del Paese e non allineare l’Italia alla pattuglia dei paesi piu’ avanzati in materia di diritti civili sono due atteggiamenti che fanno evidentemente a pugni”.
“Dato che non posso nemmeno pensare che Nichi Vendola consideri le persone omosessuali come cittadini a diritti diminuiti – ha proseguito Scalfarotto – deve trattarsi di una mossa politica volta a non perdere il consenso dei conservatori. E’ la piu’ trita abitudine della vecchia politica: anteporre cio’ che crediamo ci sia utile a cio’ che oggettivamente e’ giusto, anche a costo di tenere in vita antiche e irragionevoli discriminazioni”.
“Vendola dice che la sua politica sarebbe capace di ‘riconnettersi alla vita’? Credo sarebbe davvero una beffa arrivare alle elezioni con Vendola candidato premier e scoprire un’Italia ancora incapace di ‘riconnettersi alla vita’ di milioni di famiglie gay e lesbiche e dei loro bambini”, ha concluso Scalfarotto.
(ITALPRESS).
gca/com 23-Set-10 17:10 NNNN

Così via Buzz mi sono visto rispondere da Riccardo Tomaselli (lo dico, c’è un conflitto di interessi: è mio cugino, prima che lo scopriate voialtri) che, simpatizzando per Vendola, mi faceva notare che:

Non è corretto il post ed è “diversamente disambigua” (mi passi il termine?) quello di cui si accusa Vendola.
Domanda: “Sei favorevole ai matrimoni gay?” risposta “Son favorevole al riconoscimento delle coppie di fatto”, che è senza dubbio un’opzione all-inclusive e sicuramente più estesa e mi sembra anche importante! si alle coppie, qualunque sia il genere.
Domanda: “Sei favorevole alle adozioni per i gay?” risposta “Sono favorevole alle adozioni per i single”, anche questa opzione è inclusiva del genere single, etero e così via!!!
mi spiace un pò per Scalfarotto… constato che la dietrologia e la voglia di salotto radical-chic ha sommerso oramai tutto il centrosinistra, forse si salvano in pochi….. e danno fastidio quando dicono grandi verità o illuminano le voragini propositive del PD (leggi Veltroni oltre che Vendola)…… le parole di Vendola sono importanti e invece di polemiche dovrebbero accendere uno spirito riformista e progressista, non restauratore (o diversamente progressista?)

A questo punto, sarebbe bello un confronto vero e diretto tra Scalfarotto e Vendola. Io li invito via Twitter, vediamo se la Rete è utilizzata strumentalmente o funzionalmente.


Lascia un commento

Cinque morti assieme

Cinque morti assieme non fanno uno vivo“. Beppe Grillo ad Anno Zero ieri sera.

Beppe Grillo non lo sopporto molto, negli ultimi anni. La sua concezione della politica ha il sapore del populismo e del qualunquismo. Però oggi concordo con Il Post: il suo intervento di ieri sera ad Anno Zero è stata una delle poche cose interessanti, vive, di contenuto che ci sia stata. E la frase citata in alto, estrapolata dall’intervista, dà il senso di cosa la nostra politica, governo ed opposizione, sia oggi. Può sembrare quest’affermazione stessa populista e qualunquista, ma tutti i soggetti che si muovono sul proscenio non hanno idee, non hanno bussole (capito Walter?), non hanno più una dignità da spendere. Sono morti. E’ un dato di fatto.

Per guadagnare credibilità avrebbero dovuto molti anni fa dare il buon esempio. Togliersi una pensione meritata con parte di una legislatura; solo a quel punto chiedere un pari innalzamento dell’età pensionabile al resto degli italiani. Eliminare il circolo vizioso degli stipendi vincolati di parlamentari, magistrati & co., scusa eccezionale per non ritoccare mai al ribasso i propri emolumenti; poi chiedere sacrifici agli italiani. Il concetto di esempio è però fumoso anche per gli italiani stessi, dunque da questo punto di vista sono assai meno ottimista di Grillo. Ancora oggi mi sento dire da alcuni che Tinto Bass, il nostro Premier, è al di sopra di ogni sospetto perché così ricco che non ha bisogno di fare il proprio interesse…

Ma di che stiamo parlando?

#sfogomattutinodiunitalianodisilluso


1 Commento

Alemanno a cena da Berlusconi

Questa sera Alemanno, sindaco di Roma ed esponente di spicco della fu An, era a cena con Berlusconi. Il Pdl ormai racchiude in sé forza di governo e opposizione (quella vera fa assai meno rumore e scalpore) e dunque tutti i giornalisti scalpitano per sapere cosa si siano detti e come sia andata. Tutti vogliono il sangue, lo scontro Fini – Berlusconi…

A mezzanotte Francesco Verderami del Corriere della Sera e un altro giornalista del Messaggero, continuano a chiamare sul cellulare l’ufficio stampa del Sindaco. Il Sindaco è però ormai ad una festa di compleanno (il suo medico?). Chi tiene in suo cellulare riceve istruzioni da chi ha parlato con i giornalisti. Finita la festa e prima del successivo impegno in programma (ma non dorme?), Alemanno potrebbe richiamare Verderami rilasciando una dichiarazione.

Il tutto dona la sensazione che nello scenario attuale, solo notizie interne al Pdl potrebbero riempire la prima pagina. Il Pd continua a marginalizzarsi in gran parte da solo. E’ tardi, è ora che io vada a letto. Domani leggeremo i giornali. Buona notte.